Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XVI


Grami Fiori! me fè proprio pecà
     A vederve ridenti star cussì
     In mezzo a quei Cavei, Cavei che a mi
     4L'anema e 'l cuor deboto i m'à brusà.

Ah! scampè, Fiori, scampè via de là,
     Se volè aver de vita almanco un dì,
     Se no, là ve arsirè, ve incenerì,
     8Che là gh'è 'l fogo, e mi lo go provà.

Piutosto el sen a farghe belo andè,
     Che ve prometo e zuro, che là mo
     11E seguri e freschissimi starè;

Se pur dal tropo giazzo che ghe xe
     Sconto in quel cuor, a pezo rischio po,
     14De restar impetrii no ve catè.