Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/22

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


X


Gera nata fra Venere e Cupido,
     No ve dirò per cossa, una barufa:
     Inviperìa so Mare smania e sbrufa,
     4E 'l Fio ghe rispondea nana che rido:

Senti, se mai più in Ciel, la dise, o in Cnido
     Ti torni, oh! te voi sbater ben la mufa.
     Responde lu: Eh per questo no go fufa,
     8Lioghi no me ne manca, me confido.

— Va pur, baron, va razza maledeta;
     La ghe replica; e lu: Vardè se vago;
     11E in testa el svola de la me Nineta.

Qua, più che in Cnido volentiera stago,
     Questa, el dise, sarà la me caseta,
     14Petève el vostro Ciel, che ve lo dago.