Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IX


Gnente gnente che a quela Drezza fisso
     Col pensier staga (che lontan lo tegno
     Più che mai posso) tanto me ghe impegno,
     4E tanto me ghe cazzo e me investisso,

Che subito me perdo e intenerisso;
     De un milion de colori in bota vegno,
     Se torna a spalancar senza retegno
     8La me gran piaga, e spasimo e sbazisso.

Ti ti 'l pol dir, Amor, che ti ga el vizio
     Drio al cesto de volerme sempre star
     11Anca co' vago a far fin quel servizio;

Dilo ti, quante volte ti m'à visto,
     Pensando a quela Drezza, sospirar,
     14Le lagreme cascarme e vegner tristo.