Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/15

Da Wikisource
Salta a ła navigasion Salta a ła riserca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
III


Quel dì che la Natura benedìa,
     Dopo un longo pensar e repensar;
     Alfin la s'à ressolto de impastar
     4El Belo del qual Nina xe vestìa,

Come per far un'opera compia
     La ghe fava su un studio singolar;
     I Dei del Ciel la stava là a vardar
     8A boca verta tuti atorno via.

Altro no ghe mancava che i Cavei,
     Quando dal gran laorier Natura straca
     11Volta via, e impianta là fatura e Dei.

Se afana el Sol, no 'l pol tegnerse più,
     El se spianta i so ragi, e 'l ghe li taca;
     14E questo xe che i sluse come lu.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/15&oldid=62036"