Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


II


Quel dì che soto quele piante ombrose
     Lezeva, e alzando i ochi a l'improviso
     T'ò vista in compagnia de quele Spose,
     4Oh de quanto per mi quel dì à deciso!

I to ochieti, i to lavri, el sen, el viso,
     Stele, corai i m'à parso, e neve e rose;
     T'ò credesta cascà dal Paradiso,
     8Ma pur in cuor no m'ò sentìo gran cose.

Ma co' ò visto, ah! co' ò visto i to Cavei
     Biondi, che i par deposta oro filà,
     11E quei del Sol fa parer manco bei,

M'ò sentìo, Nina, alora proprio toco,
     M'è saltà caldo e fredo, ò sospirà,
     14Son restà in soma inamorà patoco.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/14&oldid=62035"