Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IV


Su do spale che par, cossa Fradei?
     Mi no so cossa dir, de neve fate,
     Veder do Drezze sparpagnae, desfate,
     4Dei più longhi biondissimi Cavei;

E veder tuto semenà de quei,
     Ingrespai suso da le ariete mate,
     Anca un bel fronte bianco come 'l late
     8Nome alora monzuo dai caviei;

Zonzèghe un viso che rechiama e aleta,
     Zonzèghe 'l cuor che bagola e scantina,
     11Amor zonzèghe che de mazo teta;

E po no ve lassè vegner su i caldi?
     E po de trasto no saltè in sentina?
     14E po', per Baco, poderè star saldì?