Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


I


Aneme grame, cuori inamorai,
     Che pur tropo tantisimi sarè;
     Al bruto passo che son mi, se mai
     4A lezer sti Soneti ve imbatè;

Quel che ò patìo de strazzacuori e guai
     Per amor de una Coa co' sentirè,
     So ben che da pietà mossi e tocai
     8Me darè fede e me compianzerè.

Nè esaminando quai sia bei, quai bruti,
     La passion e 'l dolor scusando in mi,
     11Ghe donerè compatimento a tuti.

Chi scrive adolorà no bada a franze;
     E po no serve dir de più, che chi
     14Vien dal morto sa come che se pianze.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/13&oldid=62031"