Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/110

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XCVIII


Eh che no serve no che ti te scondi,
     Che ti fazzi baèto e ziravolta;
     Eh, cara, te conosso a la Coa sciolta,
     4A quei rizzeti, ai Caveleti biondi.

Benchè ti tiol le trazze, e ti confondi
     In quele strigarìe cussì revolta,
     Che drento ti ghe par squasi sepolta,
     8El cuor à sentio l'usma, e xe andà al fondi.

Come mai vustu che no te conossa?
     Tropo quei to Cavei m'è restà impressi,
     11Nè gh'è Cavei che somegiar ghe possa.

M'ò dito tra de mi: Cavei, Cavei,
     Se no fussi de Nina, no saressi
     14Nè cussì longhi, nè a sto segno bei!