Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/109

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XCVII


In tel so zendaleto stropà su,
     Per goder megio la so libertà,
     A Nina un zorno in testa gh'è vegnù
     4De spassizar co mi per la Cità.

Tuti che caminava drio de nu,
     E i ghe vedea anca fora del zendà
     De Coa vanzarghe un brazzo e mezo e più,
     8I restava, per dia, morti, incantà.

Chi disea: La gran Coa, che quela xe!
     Varda co' bionda! chi diseva; e chi:
     11Quela sì xe una Coa degna de re!

Mi che sentìa da tuti a dir cussì,
     Se 'l cuor se me sgionfava in sen, pensè!
     14Oh gera per andar fora de mi!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/109&oldid=62013"