Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/108

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XCVI


De le barbare Belidi i crivei,
     La rioda dal sacrilego Ision,
     L'osèlo che da Tizio va a bocon;
     44E de Tantalo l'acqua, e i pomi bei;

Tuti i castighi infin, tuti i mazzei,
     Che zo a l'Inferno prova ogni baron,
     L'Inferno istesso, senza adulazion,
     88Me par proprio robète da putei.

Zogatoli i me par, minchionarie,
     Confrontà co l'Inferno che ò de drento,
     1111Coi me tormenti, co le pene mie.

Crudo Inferno in mi averto da una Drezza
     Bela sì, ma crudel, e che un momento
     1414No me lassa de pase e contentezza!