Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/107

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XCV


Cossa credistu, dì, Note invidiosa;
     Che perchè ti vien tuta inuvolìa,
     Tuta coverta, tuta tenebrosa,
     4Senza gnanca una stela in compagnia;

Che lassarò de andar da la Morosa?
     Che vorò de mi farghe carestia?
     Che starà in strope st'anema golosa?
     8Cascasse 'l mondo, vogio andar, per dìa.

De no poderla veder no go pena,
     Che me basta per vederla el slusor
     11Che sul balcon coi so Cavei la mena.

Slusor che xe del too molto più forte
     Quando serena ti fa el bel'umor
     14E de stele un milion te fa la corte.