Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/58

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Più che ve vardo, e più
     Ve scovro un trato degno,
     Ch'al certo passa el segno
                    24E che no è in uso.
Oh caro quel bel muso,
     Cari quei bei ochieti,
     Che sièli benedeti
                    28Dove i varda!
Quela ganassa sguarda,
     Quel fronte relusente,
     Quela boca ridente
                    32E singolar!
Me piase el vostro far,
     Me piase el vostro sesto,
     Un far ch'à del modesto
                    36E del furbeto.
Un cuor vu gavè in peto
     Che a la fisonomìa
     Xe tuto cortesìa
                    40E senza orgoglio.
Mi strolegar ve voglio,
     Se vu volè però,
     E ogni cossa dirò
                    44Che sarà vera.
Animo, bela ciera,
     Animo via, pian pian,
     Dè qua, dème la man,
                    48E ben slarghèla.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/58&oldid=69722"