Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/57

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CINGARESCA


L'ASTROLOGO


Fermève, viso d'oro,
     Fermève, bela Puta,
     Che ve contempla tuta
                    4Un pochetin;
Vedo che avè un sestin
     E de la grazia tanta,
     Grazia che proprio incanta
                    8E liga i cuori;
No xe da far stupori,
     Come farìa un Sofista,
     Se cussì a prima vista
                    12Me piasè;
Bisogna che sapiè,
     E chi è che nol sa che quele?
     Che le cosse ch'è bele,
                    16A tuti piase.
Benedete le case
     Che ga de ste zogiète
     De ste care cossete
                    20Come vu;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/57&oldid=69721"