Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/54

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XIX. Fragilità della bellezza


Vedeu sta bruta vechia che xe qua?
     A i so' dì la ga molti inamorà,
E adesso che la xe canùa e grima
     No la trova nissun che più la stima:
Done bele, tiolè esempio da questa,
     E moderè quel fumo che avè in testa:
Va la belezza come che va el lampo,
     E, vechie, no ve resta apena el stampo!


XX. Arguta risposta


Un certo paesan gavea un caval
     Longo e magro che parea un feral.
Un ghe domanda: A quanto al brazzo
     Vendaressi sto vostro cavalazzo?
E lu, alzando la coda con disprezzo:
     Entrè in botega che farò bon prezzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/54&oldid=69718"