Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXI. Risposta d'un Guercio


Un certo tal che un ochio sol gavea,
     Ma che de furbarie ghe ne savea,
Con un ch'i aveva tuti do' à scomesso,
     Chi de lori ghe vede più da presso.
Per Diana, dise el Sguerzo, ò venzo mi;
     E vustu veder se la xe cussì?
Mi do' ten vedo con un ochio sol,
     E ti con do vederme un sol ti pol.


XXII. Moglie colerica


Quando che la Muger sussura in casa,
     Aciò che la se quieta e che la tasa
El rimedio xe questo d'esperienza:
     O corer via, o armarse de pazienza.
Chi à giudizio mai fissa un'opinion
     Con chi no xe capace de rason.


XXIII. Un Debitore


Gh'è un debitor che se vol lamentar,
     Che Quaresema longa assae ghe par.
Ch'el paga a Pasqua chi pagar el deve,
     E la ghe parerà anca tropo breve.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/55&oldid=69719"