Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/53

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XVII. Rimedio contro l'Amore


Da certa zoventù de prima età
     A un filosofo gh'è stà dimandà,
Quale sia quel rimedio che più val
     Per far guarir quei che d'amor ga mal:
E lu à risposto: Che la fame sola
     Xe 'l rimedio che fa che Amor ghe mola;
E in fati, pofardìo, co se ga fame
     Se ga altro in mente che d'Amor le brame.


XIX. Storia di Rodope


Rodope, fia de Dario, fè amazzar
     La propria Nena che l'à bua a latar,
Solamente perchè la ghe criava
     Che a maridarse no la se curava.
Ai nostri zorni, oh quante fie de Dario
     Farìa mazzar le Nene a l'incontrario!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/53&oldid=69717"