Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/48

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IV. Il Debitore


Se maravegia un tal, perchè a passar
     Mai nol me vede per contrada Bassa.
     Ma no ti sa, minchion, che là ò da dar,
     E dove s'à da dar mai no se passa?
     Un debitor sta fiera pena el ga
     De no poder zirar con libertà.


V. La Mercanzia esibita


Va in cerca un tal de vender mercanzia,
     Epur nol trova chi ghe daga un bezzo.
     No aver pressa, minchion, de darla via,
     Che ad esibirla se ghe tiol el prezzo:
     Se fa come le Done: la se nega,
     Che alora po' d'averla ognuno prega.


VI. La Fortuna


Quando la sorte no se ga contraria
     El so anca mì che se par omenoni;
     Ma quando, come a mì, la xe aversaria
     Se vien giusto stimai tanti talponi.
     Quanti ghe n'è che perchè i è poveromini
     No i vien gnanca credesti galantomini!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/48&oldid=69715"