Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VII. Il buon esempio


Se 'l Pare tuto 'l zorno alegramente
     Tripudia a l'Osterìa, zoga, scialacqua,
     E chiapa le so' bale bravamente,
     Cossa voleu che 'l fio beva de l'acqua?
     Per educar de sesto fioli e fiole
     Bon esempio ghe vol e no parole.


VIII. Il Guercio e il Gobbo


Un Sguerzo una matina s'à incontrà
     In t'un Gobo, e cussì el lo à burlà:
Ti è ben cargo a bon'ora sta matina.
     El Gobo gh'à risposto: Poffardina,
Bisogna che a bon'ora sia per certo
     Perchè ti no ti ga che un ochio averto.


IX. Vanto d'una Moglie


Una Mugier la se vantava un dì
     Ch'i ghe disea minchion a so' Marì.
Un'altra gh'à risposto: Oh cara amiga,
     Tasè che a farlo tal no gh'è fadiga.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/49&oldid=69561"