Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/47

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EPIGRAMMI


I. Il consulto


Sior Schieson, un Consulto. A un certo tal
     Certi no so che bezzi mi ò da dar;
     Son povaromo; i fati mii va mal;
     Come possoi mo far a no pagar?
     Fèla a la granda, amigo, prometè,
     E a la promessa po' no ghe atendè.


II. L'amor proprio


Co una ragazza se vede dar 'na ochiada
     Da qualche zerbinoto Paregin,
     Subito crede vegnir domandada,
     E la camisa no ghe sta al martin:
     Ma s'anca el sior Schieson fusse una tosa
     El credarìa anca lu la stessa cosa.


III. Il Vecchio innamorato


Co un pie in te la fossa Crasitèo,
     E con el viso tuto incresponà,
     Fa ancora a più poder el cicisbeo,
     Povero cuco, ti me fa pecà!
     Amor (e questo è Schiesonian aviso)
     No gabia in cuor chi no lo ga in tel viso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/47&oldid=69714"