Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA MORTE D'UN FIGLIUOLO
DELL'AUTORE


Me xe morto un putin! Morte sassina
     In pochissimi dì me l'à robà
     Ai diese Zugno de l'ano passà
     4Da una tosse ostinada e malandrina.

Se m'à portà via el cuor sta creaturina,
     Se ò pianto la mia parte e sospirà,
     Lasso che chi xe tenero papà,
     8Senza che mì ghel diga, l'indovina,

Ma rifletendo a le disposizion
     De l'Eterna Infalibile Sapienza,
     11E che una vale de miseria è questa,

Ai Decreti del Ciel sbassà ò la testa,
     Me son armà de santa soferenza,
     14E ò dito: Signor mio, vu sè el Paron;
                    E cussì ne le aflizion
     Altro conforto no se trova al fin
     17Che rassegnarse al gran Voler Divin.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/46&oldid=69713"