Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


UN SOGNO


Cara Catina mia, son insognà
     Una cossa che a dirla me vergogno,
     Son insognà (ma al fin l'è stato un sogno)
     4Che mì con vu me gera maridà.

Ma l'uno e l'altro gera desperà
     Per aver fato sto grosso codogno.
     Da una banda gavevimo el Bisogno,
     8E da quel'altra la Necessità.

Scontenti, malinconici, afamai,
     Ogni dì sempre più l'andava mal;
     11Mocolavimo come renegai!

E senza bezzi e senza capital,
     Pieni de cuche, de miserie e guai
     14Alfin semo redoti a l'Ospeal.
                    Se sto sogno bestial
     El se verificasse, che nol so,
     17Staressimo pur freschi tuti do'!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/38&oldid=69476"