Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Un toco de biancona;
    Ma che so' Siora Santola Barbiera
    Vorave farla andar per Cameriera;
    Ma no vogio securo
    165Perchè so che in ste case
    (E ve lo pol ben dire mio Compare)
    Che ne toca a provar sempre de amare;
    Bisogna che le fazza quei mestieri
    E quele stente che no xe da Pute;
    170Bisogna che le sia sorde, orbe e mute,
    Assae furbe, e che le tegna
    In stomego da cento bisinèle
    Che se le palesasse ghe anderia
    Mi no so cossa, oltre el cazzarle via.
    175Ma, Sorela, quel che più me despiase
    Xe che spesso e spessissimo le fala
    O per gnente, o per poco
    Co quei servitorazzi sfondradoni,
    Che al strenzer de le strope
    180Tuti i gran petoloni salta fora,
    E i scampa a l'improviso e i va in malora;
    E in fin quele gramazze,
    Strazzae de sora e rovinae de soto,
    Le ve torna po' a casa col fagoto.
        185Cussì no fusselo
            Per quela zovene
            Che so po' mi;
            E no gavessela

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/15&oldid=61970"