Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/114

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL GARZONE FURLANO


1Tre zoveni bizari avea osservà
     Che un Furlan per Garzon a un'Osterìa
     Da pochi zorni gera stà impiegà,
     E in testa gh'è vegnù sta bizarìa,
     D'aspetar ch'el paron fusse lontan
     Per far una burleta a sto Furlan.
2Entrai ne l'Osteria donca al Garzon
     I à dito, de voler lori disnar;
     E lu li à ben servii con atenzion,
     Perchè i avesse contenti da restar.
     Infati à magnà questi a crepapanza
     Senza, per cussì dir, che roba avanza.
3Portà po el conto, uno de lori à dito,
     (Siben ch'el conto fusse assae indiscreto)
     A sto Garzon: Ti n'à servio pulito,
     E se vede de più che ti è discreto,
     Donca è dover pagarte intieramente,
     Anzi la bonaman donarte arente.
4E tolta in man la borsa à fato veder
     Che l'avea dei zechini e dei ducati,
     Disendo: Amici, no vorè recreder
     Che mi paga per tuti, perchè infati

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/114&oldid=69694"