Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/115

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Toca pagar a mi, mentre a disnar
     L'altro zorno son stà senza pagar.
5Sior no, el secondo à dito, no convien;
     Nè mai permeterò che vu paghè,
     Avè pagà altre volte, e no va ben
     Che sempre a l'Osterìa ne superchiè.
     El terzo francamente à po sogionto:
     A mì toca a pagar, amici, el conto;
6Ò magna a vostre spese i dì passai,
     E dopo tante volte toca a mì.
     El primo rispondea: No sarà mai;
     E questionando i andava via cussì.
     Infin quel'altro à dito: La question
     Decida donca, amici, sto Garzon.
7E voltandose a lu: Caro fradelo,
     Fenissi tì sto afar; te benderemo
     Col fazzoleto i ochi, aciò che quelo
     Che ti ti chiaperà, mentre saremo
     Intanto qua aspetando quieti e muti,
     Abia elo solo da pagar per tuti.
8Persuaso el Garzon, senza rifleter
     A quel che podea nasser, e ch'è nato,
     S'à lassà ai ochi el fazzoleto meter,
     E mentre ch'elo andava via de fato
     Cercando qua e de là chiapar qualcun,
     Da l'Osteria bel belo è scampà ognun.
9Xe arivà in quel momento el so' Paron,
     Che gnente no saveva de sto afar,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/115&oldid=69695"