Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


25L'amigo ga sogiunto: Donca mì
     V'insegnarò el secreto; fe cussì;
     Via da de qua mandèlo,
     E a chi domanda: Dov'è andà el Porcelo?
     Diseghe: El me xe stà
     30L'altra note robà,
     E cussì sarè esente
     D'averghe da dar gnente.
Bravo! sior sì, pulito,
     (Quelo dal Porco à dito)
     35Me piase l'invenzion
     E darò a sto recordo esecuzion.
     Ma ne la note drio da la so' zente
     L'amigo del consulto bravamente
     Ghe lo à fato robar,
     40E in un paese più lontan mandar.
Co la matina è stada,
     I s'à incontrà un e l'altro su la strada,
     E quelo dal Porcelo
     À dito a l'altro: No savè, fradelo,
     45Che i m'à robà da seno el Temporal?
     Co la boca ridente
     Ga l'amigo risposto: Tal e qual
     Avè da far aponto co la zente.
     El primo mo zurava e sperzurava
     50Ch'el Temporal, pur troppo, ghe mancava.
     Stralassè de zurar,
     À replicà el secondo, che l'afar

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/105&oldid=69685"