Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/104

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL PORCO


A Mestre un benestante
     Un belissimo Porco avea arlevà
     Che gera de grandezza esorbitante.
     Un certo so' vicin, che avea osservà
     5Sto famoso anemal,
     Ga dito un dì a sto tal:
     Compare, avè un Porcelo
     Che xe una maravegia, grasso e belo.
Ma l'altro ga risposto: Amigo mio,
     10Cossa serve che belo e grasso el sia
     Se quando lo averò distribuìo,
     La manco parte la sarà la mia?
     A mie sorele Muneghe
     Ghe ne vol una parte, un'altra al Medego,
     15Un'altra a sior Piovan,
     Un'altra a mio Zerman,
     Un'altra a mia Cugnada;
     E po roba salada
     Da dar a questo a quelo;
     20Cussichè posso dir: Adio Porcelo.
     Se savesse trovar qualche pretesto
     Per scansarme da tuti, oh ve protesto
     Che molto volentiera lo farìa,
     E tuto quanto mì lo magnerìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/104&oldid=69684"