Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/106

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     So anca mi come l'è, che, amigo mio,
     Son quel ch'el stratagema à sugerìo;
     55Peraltro questo è 'l modo
     De far parer che vu parlè sul sodo.
     À tornà da recao quel dal Porcelo
     A replicar: Credèlo,
     No la xe un'invenzion, la è tropo vera,
     60I m'à robà el Porcel geri de sera.
     E l'altro à replicà medemamente:
     Bravo, amigo, ma bravo veramente,
     Seguitè pur cussì, che ve protesto
     Per vero el caso vegnarà credesto.
     65Tornava el primo a protestar zurando,
     Ma st'altro alora è corso via ridando.
          Pol la fiaba avertir,
          Non ti fidar che non sarai gabbato,
          Ma la pol anca dir:
          70Chi cerca d'ingannar resta ingannato.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/106&oldid=69686"