Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/77

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Musa, basta cussì per dar un sagio
     De sti basa-pilèle che à l'inzegno
     Esposto sempre al colpo, al tiro, al segno,
     216Come xe i morteri da bersagio.
Se vede sgangolir più d'un pupilo
     A far sopa redoto col so' pianto,
     E chi à magnà l'entrada se fa un Santo
     220Che pianze tuto el dì da cocodrilo.
No tira più la Vedova el livelo,
     Xe perso col Nodaro l'Istromento,
     E sior Compare tira sie per cento
     224Pagando un bezzo d'ogio al Capitelo.
Per racontar le furberìe segrete
     Ghe vol altro che un pan de sete mesi!
     Quest'è la carità dei Calabresi
     228Robar i manzi e dar i corni al Prete.
Ghe vol altro che un Vesparo da Morto
     A spegazzar l'usura d'un contrato!
     Pol esser; ma nol crede gnanca un mato
     232Ch'abia coscienza dreta un colo storto.
L'ingano sti furfanti chiama zelo,
     Sussiego el fasto, e passatempo l'ira,
     La rogna, sensual sangue che zira,
     236E la furfanteria, voler del Cielo.
De l'Ipocrita infame, iniquo e tristo
     Questa xe l'empietà, questi xe i modi,
     Quest'è la so' moral: basar i chiodi
     240E renovar le piaghe a Gesù Cristo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/77&oldid=66436"