Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/76

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Diga però la birba veneranda,
     Che ste Congregazion in certi siti
     No le pol esser mai dei Sacri Riti,
     188Che tuto sol finir in Propaganda.
Marieta è piena d'oro e de zechini,
     Perle, zogie, mantò, busti e carpete,
     Che se la vol un zorno far gazete
     192No basta una tribù de Giacudini;
Senza gratificar qualche divoto
     El diavolo no comoda i so' altari,
     E certi paramenti singolari
     196Vol dir: la grazia è fata, e sciolto el voto,
Betina xe più soda e più racolta
     Dopo quela disgrazia sì famosa
     De perder a una festa morbinosa
     200L'onor e la manizza in t'una volta.
So nezza, inamorada coi latini,
     Se fa insegnar da un Frate concordanze,
     Ma zurerìa che avanti le vacanze
     204La sa i futuri misti coi supini.
La fia del Masteler vedo in sconquasso
     Confusa dal maron e da le dogie,
     Cussì dopo che molti à messo a mogie
     208O crepa el cerchio, o va el mastelo in fasso.
So' pare, che xe un omo de quei tondi,
     Pensa de remediar co la pavèra,
     Ma la sfesa ripiego più no spera
     212Se le doghe davanti à roto i fondi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/76&oldid=66435"