Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/78

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Mio Dio, mio Redentor, Monarca eterno,
     Sta razza fa conossere l'impegno
     D'andar a ca del diavolo co inzegno,
     244Piombar con bon esempio ne l'Inferno!
Signor, a seguitar la vostra frase,
     Deboto no gh'è piegore che basta
     Da travestir i lovi che le guasta
     248E mete in confusion pastori e case.
Va machiando l'onor dei vostri Altari
     Sta fezza abominevole d'abisso
     Che a tanti ve fa pianzer crocefisso
     252Con lagreme ateiste e da corsari.
Le più sagre funzion questa profana;
     Ogni liogo è teatro dei strapazzi,
     E Case e Chiostri e Betole e Palazzi,
     256Sia la Corte Eclesiastica o Profana.
Quel Chietin mai no leva la portiera
     Senza qualche Orazion giaculatoria,
     Ma tuto quanto el filo de l'istoria
     260Lo inaspa una pension ch'el santo spera.
In la Scuola infernal dei gabamondi
     Osservo de le femene a montagne,
     Che Fuste desarmae da le magagne
     264Xe piene d'erba e cape soto i fondi.
Una finze vision degne de riso,
     Un'altra vede un Anzolo in altana
     Che strapianta lusverde e mazorana,
     268E molte fa babao col Paradiso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/78&oldid=66437"