Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL MAL COSTUME IN VENEZIA


SONETTO


Sordo come che son ziro e spassiso
     Osservando el moral de sta Venezia.
     Più che 'l spirito vedo assae l'inezia;
     4Più che saviezza vedo chiasso e riso;

Vedo l'omo d'onor squalido e sbriso;
     Vedo el doto giazzà più de la Svezia;
     Vedo patria e virtù tuto in facezia;
     8Vedo Caton, ma lo vedo deriso;

Vedo qualche Lugrezia che consola;
     Vedo Livia e Pompea sempre afolada:
     11E vedo quela col bel Silvio sola;

Vedo arti e comercio zo de strada;
     Vedo lusso, superbia, ozio e gola...
     14Ah! Venezia d'un dì dov'estu andada?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/23&oldid=69630"