Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/22

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALL'AMICO LIARCA


Nel vastissimo Impero de la China,
     Dove Legislator xe stà Confucio,
     Questo à fato una Lege
     Che in gran parte corege
     5Quel maledeto vizio che à la Dona
     De presto o tardi far
     I corni ne l'amar.
     La vol, che quando una,
     Sia rea d'infedeltà
     10Subito a questa el naso sia tagià.
     Se una tal Lege ancora
     Fusse agionta al Statuto Venezian,
     Disème, Liarca mio, fra tante e tante
     Che sente o finge, ma che sempre ostenta
     15Le calde de l'amor gran smanie e pizze,
     Quante e quante saria le nostre schizze?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/22&oldid=69629"