Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


STORIA TRATTA DA PLUTARCO.


Sta matina mi ò leto
     Sul celebre Plutarco
     Una cosa che vedo
     Imitada in gran parte
     5Sul stato de S. Marco.
     Lu dise, che Caton,
     Omo severo, Senator giustissimo,
     À imprestà la mugier publicamente
     Al Senator Ortensio, el qual smaniava
     10De aver fioli da un fonte
     Degno de la Republica Romana,
     De aver dei Fabii, dei Scipioni, e Regoli,
     E no, come tra nu, certi petegoli.
     Da qualche tempo in qua
     15In parte s'à introdoto
     Sto esempio in stà Cità.
     Se fa de le imprestanze,
     O piutosto dei stochi e de le usure,
     Perchè po' i fioli resta, o tristi, o boni
     20Ai Siori Ortensi no, bensì ai Catoni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/21&oldid=69628"