Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     L'à dito: Zito zito,
     25Coleghi, amici cari,
     Moro, ma prima ve lasso un Ricordo:
     Moro contento e del mio fin son pago
     Se scolpir lo farè ne l'Areopago.
     El Ricordo xe questo:
     30„ Quando che una Republica
     „ Sta ben quanto che basta
     „ No ghe tetè in tel cul che la se guasta“.


SOPRA IL FAMOSO BALLERINO PICH


ALL'AMICO LIARCA.


Quando Roma pensava
     A un Mimo, a un Saltador, a un Istrion
     Roma alora l'andava a tombolon,
     E l'Impero in tochi, in pezzi, in stele.
     5Venezia ancuo a le Stele
     Fanatica sublima el caro Pich.
     Caro Liarca mio, nu fermo crich!


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/20&oldid=69462"