Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/107

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Pien de inzegno pien de sal,
Col palor sentimental,
Che 'l ve par apena vivo,
Lo gavè nel Sensitivo.
     45La fraganza più odorosa
Spande a l'aria bela rosa;
Abiè ochio nel tocarla,
Contenteve de vardarla.
No s'a visto mai Zardin
50A dar rosa senza spin.
Compatisci, son sincero,
Ma sta Rosa ti è ti Piero:1
     E l'amabile Dotor,2
Che del tragico dolor
Tanto aprezza el mesto canto,
55Lo gavè ne l'Amaranto.
     Un poeton de prima sfera,3
Che xe nato in altra Tera,
Che pol star ardito a fronte
Fin dei Mazza e Pindemonte,
60Sarà un fior, ma dei più rari
A le Bele tanto cari,
Se spogiarse el podarà
De la solita umiltà.

  1. Pietro Buratti.
  2. N. U. Vittore Benzon.
  3. Giuseppe Bombardini.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/107&oldid=70032"