Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/106

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ch'el va quasi in brazzo al Sol,
20Sarà un aureo Gira-sol.
     El beligero Mengaldo1
Fato duro, fato saldo,
Ai furori de Gradivo
Ve presenta un Sempre-vivo.
     25El bel dir de l'Avocato2
Puro sempre e delicato,
In un Giglio trovarè
Messo in mezzo del Bouquet.
     Quel Ancilo farmacista3
30No sia messo tanto in vista.
Malinconico mestier
Sora ogni altro xe el Spizier;
Ma sicome co bravura
L'erbe el studia e la natura,
35Per dar farmaco a ogni mal,
El sia un Fior medicinal.
     E quel nostro Nicoleto4
Che ne dà tanto dileto
Quando el canto a l'improviso
40L'acompagna fin col viso,

  1. Cav. Angiolo Mengaldo. Fu de' pochi che ritornarono dalla Campagna di Mosca.
  2. Jacopo Mantovani.
  3. Giuseppe Ancillo.
  4. Nicolò Streffi.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/106&oldid=69480"