Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




     Za che avè fissà de andar,
E volè doman lassar
De Venezia le contrae
(Che pur tanto ve ze stae
5De conforto e de alegria
Ne la vostra ipocondria)1
Voi lassarve almanco un pegno,
De vu altri e de nu degno,
E per darve cosa rara
10De Venezia, tanto avara
A produr erbete e fiori,
Voi donarve pien de odori,
Perchè in mente ne gabiè,
Un simbolico Bouquet.
     15Quel Casteli che mai straco,2
Altro Pindaro, altro Flaco,
Pien de lena, senza stento,
Tanto el core in un momento

  1. Alludesi alla perdita fatta dai Conjugi Giovio di un figlio unico, motivo per cui cercarono una distrazione nel soggiorno di Venezia.
  2. Spiridione Castelli.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/105&oldid=69484"