Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/52

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Come el Sol el Lapon,
     La libertà el preson,
     21L'orbo la luse;
Con un istesso ardor
     A bramar quel to cuor
     24Amor m'induse
Con un istesso? nò
     De più bramar lo so,
     27Più lo sospiro.
Quei altri, a delirar
     No i vedo e angonizzar
     30Senza respiro:
Mi sì, che sento in sen
     E le fiame e 'l velen,
     33Nè go un conforto.
Quel che zavaria in mar
     No vorave trovar
     36La morte in porto;
Nè 'l pelegrin vorà,
     Dopo aver ben strussià,
     39Patria e caena;
Nè veder l'orbo el ciel
     Per no bever che fiel
     42Disnar e cena.
Mi, del to cuor paron,
     Aceto la preson,
     45Morte disprezzo.
Credilo, cara, sì,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/52&oldid=69596"