Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


La ga 'l cavegio che somegia a l'oro;
La ga la faccia rossa e l'occio moro;
La ga 'l cavegio el somegia a l'argento,
La ga la faccia rossa e 'l cor contento.1


XXII.

No gh'è più bel vestir quanto 'l turchino
Che se ghe veste anca l'onde del mare,
E se ghe veste 'l cavalier marino
Con tuti quanti li suoi marinari.
De verde se ghe veste la campagna,
De rosso e de turchin quel che vi ama;
De verde se ghe veste l'antanelo,
De rosso e de turchin quel viso belo.


Sono colori che donano più degli altri; c'entra anche il proverbio:

Chi vol veder un bel musin
Lo varda in tel verde o in tel turchin.

La contadina toscana canta anch'ella:

Guarda che bel vestir che l'è il turchino.
Si vestono di lui l'onde del mare
E se ne veste il ciel quand'è sereno.


XXIII.

Se fossi la morosa d'un boaro
Quela dugià2 ghe la voria indorare
Ghe la voria indorare de tre sorte
E bianco e rosso e verdolin de morte
Ghe la voria indorar de tri colore.
E bianco e rosso e verdolin d'amore.

  1. e 'l cor contento, perchè Alegrezza de cor fa bela la pele del viso.
  2. dugià, o zugià, stimolo pungolo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_popolari_vicentini.djvu/19&oldid=56957"