Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


De le più bele che al mondo ghe sia;
In mezzo al mar e in mezzo a la marina
De le più bele che al mondo camina.


XII.

In mezzo al mar ghe canta la sirena,
Che la fa indormenzare i barcaroli;
La fa voltar le barche soto l'aqua
Quando la canta come inamorata;
La fa voltar le barche soto e sora
Quando la canta ben la traditora.


XIII.

La me morosa per un prà la passa,
Dove la mete un piè l'erba se sbassa;
La me morosa per un prà camina,
Dove la mete un piè l'erba s'inchina;
La me morosa per un prà la core,
Dove la mete un piè ghe nasse un fiore.


XIV.

Moroso bel, sta saldo a la bataglia
Che un elbore in t'un colpo no se taglia
E per un viagio no se aquista dona
Per un disgusto no la se abandona.


XV.

Son stà a la fiera per comprarme un cesto,
Go visto i bei occeti de Francesco,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_popolari_vicentini.djvu/16&oldid=61901"