Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


E quei bei occi i m'ha tolta la mente
Son vegnù a casa e no m'ho comprà gnente.


XVI.

Dov'è quel tanto ben che me volevi
E quele carezzine che me favi?
Passava un giorno che no me vedevi
Coi occi per la gente me cercavi;
Bassavi i occi e la bocca ridevi.
Dentro dal vostro cuor mi saludavi.


XVII.

Son stata a la fontana de l'Amore,
La gera colma che la rebombava;
La rebombava che l'andasea atorno,
Quest'è l'amor che ingana tuto 'l mondo;
La ingana el povereto e anca 'l signor
La inganarà anca vu, caro 'l mio amor;
La ingana mati, savi e tuti quanti
La inganarà anca vu caro 'l mio amanti.


XVIII.

O rondinela, o falsa o renegada,
Le pene che ho patìo per lo tuo amore,
Quando te geri in camera sarada1
E mi, meschino, fora a le verdure.
La piova me parea aqua rosada,
La neve me parea campi di fiori.
Li toni me fasea la matinada
E li s-ciantìsi2 gera i me splendori.


Rondinella è detta la fanciulla amata, quasi per raddolcire l'amaro rimprovero — Sdegno d'amante poco tempo dura.

  1. sarada, serrata, chiusa.
  2. s-ciantìsi, lampi, baleni, da schianto, scoppio improvviso.