Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


— Desso la rizzolina m'ha basato;1
Mi gera morto son rissussitato:
25Tuta la gente va per la sua strada
La rizzolina resta in la mia casa.

Chi osservi in ogni sua parte questa canzone, che ha sì vivo movimento drammatico, la troverà cosa veramente perfetta. Contiene inoltre una verità morale, che cioè la pietà è madre dell'amore. Otello, che fa al Doge il pietoso racconto de' suoi amori con Desdemona, finisce con quei due versi pieni di tanta filosofia.

Ella mi amò per le sventure mie,
Ed io l'amai per la pietà che n'ebbe.


X.

Se tu savessi che pena è la mia
Aver la lingua e no poder parlare,
Passar davanti a la morosa mia
Vederla e no poterla saludare.


XI.

Amore, amore, no ti 'n dubitare,
Che de le done no gh'è carestia;
Ghe n'è vegnuda una barcheta in mare

  1. Desso invece di adesso. Basato e rissussitato. Nella canzone invece del familiare basà e rissussità.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_popolari_vicentini.djvu/15&oldid=61900"