Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


I roba pute ladri no i se ciama
Se i ciama giovanini senza mama.


Senza mama; quasi che non si possa sentire il bisogno dell'amore finchè si posseggono i tesori dell'affetto materno. Il popolo diffida di chi gli mostra amore quanto la madre, e dice: Chi te fa più de mama, t'ingana. — Meno grazioso è il canto toscano:

 
Mira che bel seren, che belle stelle!
Quest'è la notte a rubar le zitelle.
Chi ruba le zitelle non è ladro
Si chiama un giovinotto innamorato.


III.

La luna la camina tuta note
Per ritrovare il sole a la matina;
E mi, meschino, mi camino tanto
Per ritrovare 'l cuor d'una bambina!


Dicesi che il popolo viva e respiri in un'atmosfera d'amore, egli che vede l'amore fino nell'armonia degli astri.


IV.

Vardè la luna come la camina!
Così fa 'l cor de 'na bela bambina:
Così fa 'l cor de 'na bela bambina,
Che a far l'amor no la se sazia mai.


V.

No te fidar de l'erbole1 che piega.
Gnanca de done che fazza l'amore;
Le te impromete, e po' le te denega;
Così le fa ste cagne traditore.

  1. erbole per albero.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_popolari_vicentini.djvu/12&oldid=61897"