Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Perchè sì tanto bela, anima mia.
Sì tanto bela che fè inamorare,
24Tanto legiadra andè su quela vita;
L'aqua che core vu la fè fermare,
Sì tanto bela, il ciel vi benedica.
Il ciel vi benedica, o ciara stela,
28E vu portè la palme e la bandiera.


Superfluo, dice Tommaseo, ed inutile additar le bellezze a chi le sente assai, o punto. — Ma come non esclamare di meraviglia affettuosa al suono di questi versi che sono de' più gentili ch'abbia risuonati l'amore?


II.

Vardè che bel seren con quante stele!
Che bela note da rubar putele!
Chi roba le putele no xe ladri,
Se i ciama giovanini inamoradi.