Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/165

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


care personcine avvolte nel simpatico zendado? il ventaglio, soggetto di brillanti poesie, di spiritosissime commedie... oh! chi potrebbe mai tutti enumerare i fasti del ventaglio? Volete conoscerli? leggete la favola del leggiadro Pignotti.


XXVIII


In piazza de s. Marco, sul liston,
M'ò insonià tre belezze in donzelon;
Ma dopo, del campiel de s. Tomà
Insoniando una puta, m'ò svegià.


Un giovine innamorato fa un sogno, e vede tre belle donne passeggiare in sulla piazza di s. Marco, che gli feriscono la fantasia: s'arresta a contemplarle; ma in quella, gli si presenta l'immagine della sua cara, ch'è una fanciulla che sta di casa in campiel de s. Tomà: dinnanzi a quest'idea ogn'altra si dilegua; il cuore gli palpita forte, ed egli si sveglia!

In donzelon: quando i veneziani dicevano, una puta in donzelon, volevano significare una ragazza da marito, che veste con qualche diversità dalle fanciulle, che ancor non sono tali.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/165&oldid=61564"