Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/166

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Campiel: ognuno sa che a Venezia tutte le piazze si dicono campi e le piazzette campieli. Questa voce deriva l'etimologia dall'uso cui erano anticamente destinati siffatti campi.

Allorchè la città non aveva strade selciate, non aveva che ponti di legno, e crescevano quinci e quindi gli alberi per le vie, ogni chiesa possedeva, o dinnanzi o di dietro, una porzion di terreno, cinto di siepe o di muro, che il pievano faceva coltivare ad uso d'ortaglia pe' suoi comodi. Mano mano, civilizzandosi il popolo, rendendosi più bella la città, cessò l'uso sconvenevole di questi campi; furon spiantati gli alberi, strappate le siepi, e selciate le aiuole; ma rimase loro pur sempre l'antico nome. De' campieli parecchi furono ridotti a sagrato: ma anche il costume di seppellire in città essendosi tolto, si lastricarono come i campi, e ritennero il loro nome primitivo. Vi sono poi i così detti campazzi (benchè rari), e son piazzali fuor di mano, abbandonati, perchè di poco passaggio, ingombri di rottami, d'erbacce e peggio; meritevoli quindi del pieggiorativo che vien loro dato.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/166&oldid=61879"