Pagina:Berto Barbarani, I due canzonieri, 1917.pdf/172

Da Wikisource
Salta a ła navigasion Salta a ła riserca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


C'è che no sa che Dio m'ha messo a spale
una morosa che la veste in gringoli?1
Pur, la me spende poco e le so gale
no j è roba da franchi,
ma garofoli rossi, un par de ale2
d'erba luigia e gelsomini bianchi,
che la par la bandiera nassionale.

Quando el partito che combate el vissio
de i governi e de i omeni polìtici,
se stabilisse in piassa e el fa un comissio;
con gran disinvoltura,
el me garofoleto de giudissio
dise de sì anca lu, par far figura,
ma se trovo una guardia, me la sbrissio...3

Dal terso pontesèl del me palasso
pìngola zo 'na rama de garofoli
rossi. – La gente che vien fora a spasso,
da tanto che j è bei
la se ferma a guardarli, e mi me ingrasso,
in prima, parchè penso che j è mei,
dopo che tuti sa cosa gh'in fasso.

  1. in gringoli: coi fiocchi
  2. ale: ramoscelli
  3. me la sbrissio: me la svigno.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Berto_Barbarani,_I_due_canzonieri,_1917.pdf/172&oldid=70670"