Pagina:Assedio de Venezia.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



XXXVIII.


La morte, sì; ma i nostri i xe leoni,
I xe fati de azzal, i xe pantere:
Intrepidi tra 'l fumo dei canoni.
In mezo al sventolar de le bandiere.

Dei greçi i conta e dei romani, boni,
No ghe xe da che dir, in te le guere:
Ma i veneziani e st'altri che campioni,
Cuori più grandi e aneme più fiere!

Bandiera e Moro e Veneti e Furlani
E le trupe del Sil e le Lombarde,
I Piemontesi coi Napolitani,

Che zoventù! che sangue! che delirio!
Col peto pien de fogo e de cocarde,
Per Venezia i va incontro anca al martirio!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Assedio_de_Venezia.djvu/46&oldid=61819"