Pagina:Assedio de Venezia.djvu/47

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



XXXIX.


Sì, se vantemo; ma no l'è la boria
De l'omo ineto e de l'ignoranton:
Sta qua, capìme, questa qua xe storia
Che comove anca i sassi, ostregonon!

Storia de quele che ghe dà la gloria
No a 'na çità, ma a tuta 'na nazion.
Vargogna marza, inveçe, la vitoria
Per chi vol s'ciave le popolazion!

Un'aquila le sgrinfe ne cassava
Fin drento de le carne e, per de più,
Cò dò bechi impontìi la ne becava.

Ma per gnente dò teste la gaveva:
Una gaveimo da cavarla nù,
St'altra, cavarla l'Ongarìa doveva!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Assedio_de_Venezia.djvu/47&oldid=61820"