Pagina:Assedio de Venezia.djvu/42

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



XXXIV.


Che bei tempi quei là, fioi, ch'entusiasmo
Che ardor, che fogo drento de le vene,
Sìa pur vivendo in t'un continuo orgasmo
E streti sempre più da le caene!

Vero: le nostre panze, in quel marasmo,
Le gera a zorni vode e a zorni piene,
E tute le Vignole e Sant'Erasmo
No i bastava a calmar le nostre pene

Quanto al magnar... Gerimo ― vero ― in gabia
Fra bale e morti... come i à buo da scriver,
No se sa come che vissuo se gabia.

Ma megio assae quei tempi, ormai sparìi,
Che un scopo se gaveva, anzi che viver
Come che fé vualtri insemenìi!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Assedio_de_Venezia.djvu/42&oldid=61815"